Monica

Diagnosi 1999. Iscrizione all'Aic su consiglio del mio gastroenterologo di fiducia, praticamente il giorno successivo. Non ne sapevo NULLA. Il primo prontuario, poco più di 30 pagine, la mia bibbia, sempre in borsa per fare la spesa. Perché all'epoca..trovare la scritta "senza glutine" era un miraggio. Le prime uscite a cena in sicurezza... locali informati Aic, erano pochi, ero felice ogni volta che ne vedevo apparire un'altro nella lista! (Oggi l'app... è fantastico averla!) C'era un forum prima.. forse non ancora sito.. ci si consultava, poter chiedere e condividere i problemi di quella ...allora "nuova condizione" un vero conforto. E se il dubbio era medico.... arrivava il parere del Dott. Arrighi, una garanzia!! Sembrava di conoscerlo per quanto lo si sentiva partecipe... Ho appreso tutto grazie ad AIC. Cosa mangiare, cosa no, dove andare per stare tranquilli, ho viaggiato chiedendo informazioni ad altre associazioni all'estero, ho conosciuto persone, ho appreso i miei diritti di persona celiaca. Vi sono grata perché oggi la celiachia la vivo davvero come una condizione, non più come una malattia. 5x1000 per AIC da sempre

Leggi le altre storie