Non costa nulla, unisciti a noi, destina il tuo 5X1000 alla migliore ricerca scientifica, ai progetti a favore dei celiaci, a chi ogni giorno difende i loro diritti.

  1. Nella prossima dichiarazione dei redditi, cerca lo spazio “Scelta del dichiarante per la destinazione del 5x1000” presente nel Modello Unico e nel Modello 730.
  2. Firma nel riquadro “Sostegno del volontariato e della altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale, e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all’art. 10. C. 1. Lett a), del D.lgs. n. 460 del 1997”.
  3. Inserisci il codice fiscale di AIC: 11359620157

ATTENZIONE: se non specifichi il codice fiscale, il tuo contributo non arriverà direttamente a AIC, ma sarà suddiviso in modo proporzionale al numero di preferenze ricevute dalle associazioni appartenenti alla stessa categoria.
Puoi devolvere il tuo 5x1000 anche se non hai l’obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi. Ti è sufficiente consegnare, presso un ufficio postale o un CAF, la scheda relativa alla destinazione del 5x1000 che trovi allegata al tuo CUD (Certificazione dei redditi per i dipendenti o pensionati). La scheda dovrà essere consegnata in una busta chiusa su cui apporre la dicitura “scelta per la destinazione del cinque per mille dell’IRPEF”, l’anno cui la certificazione si riferisce, il tuo codice fiscale, il cognome e il nome.

Silvia | Diritti

Silvia non lo sa, ma prima del 2005 a nessun bambino era garantito il pasto senza glutine in mensa. Questo significava disagio ed esclusione.

Grazie ad AIC, oggi la legge prevede tale diritto in tutte le mense pubbliche.

Non costa nulla, unisciti a noi, destina il tuo 5X1000 alla migliore ricerca scientifica, ai progetti a favore dei celiaci, a chi ogni giorno difende i loro diritti.

INSERISCI IL CF DI AIC:

Chiara | Diagnosi

La celiachia è una malattia cronica che colpisce oltre 600.000 persone in Italia.

Circa 400.000 pazienti ignorano di essere affetti da celiachia esponendo la loro salute a gravi rischi. AIC si impegna per ridurre il tempo di diagnosi e il numero di celiaci non diagnosticati.

Non costa nulla, unisciti a noi, destina il tuo 5X1000 alla migliore ricerca scientifica, ai progetti a favore dei celiaci, a chi ogni giorno difende i loro diritti.

INSERISCI IL CF DI AIC:

Marco | Ricerca

AIC finanzia la migliore ricerca scientifica sulla celiachia e sulla dermatite erpetiforme in Italia.

Dal 2013, attraverso il suo bando annuale, con un sistema di valutazione indipendente, AIC sostiene i migliori ricercatori che portano avanti il loro lavoro per i pazienti di oggi e di domani.

Non costa nulla, unisciti a noi, destina il tuo 5X1000 alla migliore ricerca scientifica, ai progetti a favore dei celiaci, a chi ogni giorno difende i loro diritti.

INSERISCI IL CF DI AIC:

Luca | Qualità della vita

Mangiare fuori è sempre stata una difficoltà per i celiaci, mai un piacere. Grazie ad AIC, oggi in Italia c’è una guida con oltre 4000 locali, in continua crescita, che rispettano il protocollo dell’alimentazione senza glutine.

AIC ha ridato a Luca la serenità che aveva perso.

Non costa nulla, unisciti a noi, destina il tuo 5X1000 alla migliore ricerca scientifica, ai progetti a favore dei celiaci, a chi ogni giorno difende i loro diritti.

INSERISCI IL CF DI AIC:

Cosa facciamo con il tuo 5x1000

Sostenere AIC con il 5x1000 non ti costa nulla ma ti permette di cambiare in meglio la vita delle persone celiache attraverso progetti concreti.

Diagnosticati 214.239

Prevalenza stimata:
1%
della popolazione italiana

Popolazione effettivamente diagnosticata:
0,35%
della popolazione italiana

Numero teorico complessivo dei celiaci:
circa 600.000
dei quali, ad oggi, circa 400.000 non sono ancora consapevoli di essere celiaci.

2/3 dei celiaci diagnosticati sono donne,
oltre 150.000
a fronte dei 63.000 uomini

Diagnosi

AIC contribuisce a migliorare continuamente le conoscenze sulla diagnosi di celiachia: informiamo i pazienti, sensibilizziamo e formiamo i medici attraverso la diffusione di linee guida e materiale informativo, eventi dedicati alla classe medico-scientifica.

Attraverso il Comitato Scientifico, AIC ha dato il suo contributo alla stesura del Protocollo di Diagnosi e Follow-up per la celiachia, punto di riferimento per porre correttamente la diagnosi nei pazienti. Oggi sono sempre di più le conoscenze scientifiche su cui possiamo fare affidamento. Siamo passati da 3 a 0 biopsie intestinali nei bambini che presentano specifiche condizioni e siamo sempre più consapevoli della necessità di ricercare sintomi e segni non classici della patologia, veri e propri campanelli d'allarme per individuare i pazienti che ancora non sanno di essere celiaci.


Ricerca scientifica

AIC sostiene la migliore ricerca scientifica in Italia su celiachia e dermatite erpetiforme, valutata in modo imparziale da ricercatori internazionali (Peer Reviewers).

Dal 2010 il finanziamento avviene attraverso i bandi Fellowships, che favoriscono la crescita dei medici e dei ricercatori di domani, e i bandi Investigator Grant. Grazie a parte dei fondi 5x1000 abbiamo finanziato 31 progetti scientifici italiani per un totale di € 3.242.500 e un attivo di 50 pubblicazioni su riviste internazionali. I progetti di ricerca sono incentrati su genetica, immunologia, prevenzione e terapia di celiachia, dermatite erpetiforme e altre patologie correlate al glutine, food technology.

Il nostro impegno è cresciuto negli anni e rispecchia ciò in cui crediamo: fare ricerca ad impatto sociale e mettere gli studi scientifici direttamente al servizio dei pazienti.

Ricerca scientifica

Dal 2010 al 2019
3.632.500 Euro
fondi stanziati

7
Bandi Nazionali (2013 – 2019)

31
Progetti di ricerca
1
internazionale

61
Pubblicazioni su riviste internazionali


Alimentazione fuori casa

Oltre 4200
strutture nel network

754 persone
coinvolte nel programma AFC

2478 professionisti
della ristorazione informati da AIC

4778 monitoraggi
effettuati presso le strutture del Network

328 corsi
alimentazione fuori casa

Qualità della vita

AIC cura progetti e iniziative per rimuovere gli ostacoli della vita quotidiana e consentire alle persone celiache di far parte davvero della società. Il programma Alimentazione Fuori Casa nasce alla fine degli anni ‘90 con lo scopo di consentire al celiaco di muoversi liberamente fuori casa senza il rischio di cadere nell’involontaria assunzione di glutine. Oggi AFC è un network di esercizi informati sulla celiachia che possano offrire un servizio idoneo alle esigenze alimentari dei celiaci. I locali AFC che accolgono i celiaci con un menù senza glutine sono 4.318, inseriti nella guida AIC, disponibile anche in digitale attraverso la APP AIC Mobile, riservata ai nostri soci.


Diritti

Alla fine degli anni Settanta, quando nasce AIC, i pazienti celiaci e i loro famigliari si trovavano ad affrontare la malattia in un contesto di scarsa conoscenza medico scientifica e di totale assenza di tutele. Dai primi giorni di vita l’organizzazione costruisce, mattone dopo mattone, una struttura solida di tutele.

Il "Sistema Italia Celiachia" è infatti riconosciuto quale eccellenza in tutto il Mondo: AIC ha contribuito a costruirlo e a preservarlo per garantire ai pazienti di oggi e ai molti attesi un domani i diritti fondamentali nel campo della diagnosi, della terapia e della vita sociale.

Tra i diritti riconosciuti ai pazienti l'erogazione gratuita degli alimenti senza glutine, nata negli anni 80 per consentire a tutti pari accesso alla terapia e oggi fortemente difesa dall'Associazione, e la legge quadro per la celiachia 123 del 2005 che riconosce la celiachia quale “malattia sociale” e prevede che “nelle mense delle strutture scolastiche e ospedaliere e nelle mense delle strutture pubbliche devono essere somministrati, previa richiesta degli interessati, anche pasti senza glutine”.


5X1000 e Covid-19

La diffusione del Covid-19 ha portato al rinvio delle scadenze per la dichiarazione dei redditi e conseguentemente l’assegnazione del 5x1000.

30 settembre
Modello 730

30 novembre
Modello Redditi (ex Unico)

AIC e Covid-19

Durante questa emergenza sanitaria AIC ha dato priorità ad assistere i pazienti nei disagi derivanti dalle misure di contenimento del COVID19, a supporto delle sue associazioni territoriali ma anche dialogando con le istituzioni competenti a livello nazionale per chiedere il superamento delle barriere che ancora non consentono di accedere all’erogazione gratuita in una regione diversa da quella di residenza.

Continuiamo a presidiare il contesto attuale senza mai dimenticare il futuro, con l’obiettivo di dare continuità alle iniziative e ai progetti a favore delle persone celiache. Il 5x1000 è lo strumento che più d’ogni altro ci consente di dare gambe e braccia ai progetti e alle attività dell’associazione per i prossimi mesi e per i prossimi anni.